Depressione


TORNA INDIETRO

Edward Munch MelancoliaLa depressione è un disturbo molto grave e invalidante a vari livelli: psicologico, sociale, lavorativo, fisico.
Non è detto che tutte le volte in cui proviamo tristezza, anche profonda e duratura nel tempo, apatia, poca motivazione a fare le cose, siamo depressi in senso clinico. Questi sono normali sentimenti umani e come tali assolutamente affrontabili e superabili.
Parliamo di depressione quando è passato molto tempo da un evento doloroso e ci accorgiamo che non riusciamo a riprendere il nostro equilibrio, siamo cristallizzati nello stesso punto, oppure ci sentiamo molto tristi ciclicamente senza motivi apparenti.

La depressione si manifesta in tutte le aree della vita di una persona, con sintomi cognitivi, comportamentali, fisici ed emotivi: sonno disturbato prolungato o ridotto, perdita d’interessi e passioni, diminuzione del desiderio sessuale e incapacità di relazionarsi con gli altri, alterazione dell’appetito e umore triste e\o irritabile.

La depressione è caratterizzata da schemi di pensiero che mantengono lo stato d’animo in tale condizione; diminuisce la capacità di concentrarsi e si formulano spesso pensieri negativi su di sé, con un’eccessiva autocritica e si ha una negatività diffusa sul mondo e sfiducia nei confronti del futuro. A seconda della gravità possiamo avere tutte queste manifestazioni, oppure solo alcune.

A volte, però, all’esterno appare il contrario. In alcuni casi la persona depressa si sovraccarica con una serie infinita di attività: un lavoro impegnativo, tanto sport, una marea di hobbies, ecc. Sebbene questa super attività lasci intendere alti livelli di energia e vitalità, in realtà serve a non abbandonarsi allo stato interiore di disperazione nel vano tentativo di riempire il vuoto che si prova.

In presenza di uno stato depressivo, qualunque attività ci induca a sentire noi stessi finisce per farci prendere contatto con il pozzo senza fondo di dolore che proviamo, e questo non può che fare paura. La depressione non ha nulla a che vedere con la poca volontà o l’inettitudine e crederlo non fa che peggiorare le cose. Inoltre, non c’è nessuna intenzionalità nelle emozioni che proviamo. Non siamo felici perché decidiamo di esserlo, così come non siamo tristi perché lo vogliamo.

Oltre alla Depressione, fa parte di quest’area un tipo di disturbo che prende il nome di Disturbo Bipolare. Questo è caratterizzato da fasi di umore depresso che si alternano a fasi di umore euforico con ciclicità. I sintomi depressivi sono quelli sopra elencati, i sintomi relativi alla fase euforica sono meno conosciuti, anche perché più facilmente scambiati come un tratto di personalità: grande stima di sé, ottimismo eccessivo, espansività, sensazione di avere forte energia, estrema irritabilità. La persona in fase maniacale, quella caratterizzata da umore euforico, può, per esempio, spendere molti soldi, fare acquisti folli, essere particolarmente volubile e capace di cambiare opinione in un breve lasso di tempo.

TORNA INDIETRO


SE HAI TROVATO IL CONTENUTO INTERESSANTE CONDIVIDILO SU:

twitter icon Twitter facebook icon Facebook Google+ icon Google+